Camminare in sicurezza o arrivare prima alla meta?

Nel pellegrinaggio moderno sono principalmente presenti due filosofie di come affrontare il Cammino. Quella che dà più importanza alla sicurezza del percorso facendo passare il pellegrino su mulattiere, sentieri e strade il più possibile sicure, pur allungando la tappa a volte di qualche chilometro e quella che predilige l'arrivo il più diretto possibile alla Meta, pur passando da strade trafficate a volte molto pericolose. Tu con quale filosofia sei d'accordo?

463

Voti

Voto
Non mi importa da dove si passa, quanti chilometri bisogna fare o quanto tempo ci si impiega. Mi importa però che ci sia un'unico percorso, il più possibile sicuro e ben segnato. Tanti segni differenti creano solo una gran confusione!
273

Voti

Voto
E' giusto che ci siano filosofie differenti, così come percorsi e segnaletiche differenti. Il pellegrino è responsabile del proprio Cammino e a lui spetta decidere il percorso da affrontare.
384

Voti

Voto
Ma perchè devo fare qualche chilometro in più, quando c'è la statale che mi porta dritto alla meta? I pellegrini nel medioevo mica si facevano i "giri turistici". Avevano fretta di arrivare!
260

Voti

Voto
Preferisco sempre camminare qualche chilometro in più ogni giorno, ma godermi la pace e la tranquillità in ogni passo che faccio
0 Voti rimanenti

jVoteSystem developed and designed by www.joomess.de.

IL PROSSIMO EVENTO

 25° INCONTRO PELLEGRINI

dal 05 al 07 FEBBRAIO 2016

a SPETTINE (PC)

Scopri QUI tutti i dettagli

 Casa Carlo Rasperini 1
per maggiori informazioni scrivici a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Community

Log In

Il libro del mese

cilcca qui per vedere tutti i libri
dei nostri caffè letterari

Dacci una mano...

Contribuisci al nostro progetto!