| Stampa |

Il Nostro Progetto

Scritto da Super User

IL NOSTRO PROGETTO

 

Chi siamo

“Camminando sulla Via Francigena” è una rete sociale di pellegrini e camminatori che credono nei valori del Cammino e che desiderano contribuire allo sviluppo e alla promozione della cultura del viaggio a piedi, nel rispetto dei suoi valori. Persone che condividono le proprie esperienze, il proprio entusiasmo ed Amore per il Cammino nella speranza di poter contribuire a migliorare il proprio stile di vita e quello degli altri. Ci definiamo rete di pellegrini web 3.0

Il progetto è nato dall’incontro tra Cristina Menghini e Alessandro Ghisellini nell’estate del 2010 durante il loro camminare sulla Via Francigena. Si tratta di un progetto attualmente autofinanziato che si avvale del lavoro a regime volontario degli stessi Cristina e Alessandro, supportati dall’entusiasmo di tanti amici pellegrini e dal loro sostegno sia morale che economico, attraverso piccole donazioni.

 

Quali sono i nostri principali obiettivi?

 

 

In che modo vogliamo perseguirli?

-         

Quali sono attualmente le nostre attività?

Sul web:

-     Sul territorio:

 
Se vuoi contribuire allo sviluppo della nostra Rete, donando un po’ del tuo tempo o delle tue conoscenze, contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

“Dopo aver percorso moltissimi chilometri sui Cammini d’Europa e “aver ricevuto tanto” da ogni passo fatto, ci siamo chiesti che cosa avremmo potuto fare per contribuire nella promozione del viaggio a piedi  e portare i valori che lo contraddistinguono nella vita di tutti i giorni”.Alessandro Ghisellini -

“Il pellegrino e il suo viaggio sono il centro del nostro interesse e il Cammino non è solo un tracciato da percorrere, ma quello spazio interiore dove ognuno di noi ha l’occasione di scoprire e rivivere l’importanza di valori quali il rapporto con la natura, gli altri esseri umani e il creato, il rapporto con se stessi e con il proprio corpo, l’unione, la condivisione e il dialogo”Cristina Menghini